Case Study: la gestione dello sportello SGAte secondo il Comune di Volla (Na)

Lasciamo Battipaglia, cittadina oggetto del nostro ultimo caso studio, per risalire la Penisola di soli 80 chilometri e raggiungere Volla, Comune con 23.249 abitanti posizionato in provincia di Napoli, tra il territorio di Afragola e quello dei paesi vesuviani.
Come già per altri Comuni oggetto delle nostre indagini, anche in questo caso l’amministrazione locale ha scelto di affidare la gestione dello sportello SGAte al responsabile del Settore Servizi Sociali, dottor Alessandro Borrelli, che a sua volta ha nominato operatori comunali Giorgio Postiglione ed Emilia Inserviente, entrambi responsabili del procedimento amministrativo in forze all’ufficio comunale Prestazioni Sociali e Servizi alla Persona.

Setup dello sportello SGAte
“Pur non avendo aderito alla prima fase di sperimentazione del sistema SGAte – spiega il signor Postiglione, che sarà nostro ospite per questo caso studio – siamo comunque stati in grado di procedere alla raccolta delle istanze di agevolazione fin dal primo gennaio 2009, primo giorno utile per la presentazione ufficiale delle domande di Bonus Energia”.
Le ragioni per cui l’amministrazione comunale di Volla, nella persona del Sindaco Salvatore Ricci, ha scelto l’ufficio del signor Postiglione e della signora Inserviente per aprire uno sportello SGAte sono sostanzialmente due: in primo luogo, si trattava di mettere a frutto la loro l’esperienza nell’uso di sistemi informatici online maturata usando i sistemi predisposti per la gestione di altre agevolazioni, come l’assegno per nucleo familiare o per maternità.
In secondo luogo l’ufficio Prestazioni Sociali e Servizi alla Persona, proprio in virtù delle sue specifiche funzioni, intratteneva già stabili rapporti con quella stessa utenza che poi si è rivelata in gran parte destinataria del Bonus-Energia. “Per usare le parole del nostro assessore alle Politiche Sociali, l’architetto Francesco Esposito – spiega Postiglione -
usare un canale già aperto e fare leva su rapporti preesistenti ci ha consentito di fare velocemente il nostro lavoro. Il tutto nel pieno rispetto della dignità e la privacy delle persone interessate”.

Comunicazione al cittadino
L’informazione al cittadino è stata veicolata in primo luogo attraverso l’affissione di manifesti informativi in tutto il territorio del Comune di Vola, reiterata a ogni proroga della scadenza dei termini per la presentazione della domanda per la retroattività (28 febbraio, 30 aprile, 30 giugno 2009) e, ancora, riproposta in occasione dell’avvio della raccolta di istanze per il Bonus Gas (15 dicembre 2009).
Contestualmente, l’ufficio Prestazioni Sociali e Servizi alla Persona ha anche provveduto a contattare telefonicamente i potenziali aventi diritto al Bonus Energia. Spiega Postiglione: “Noi abbiamo una banca dati con i nominativi dei cittadini in condizioni di disagio che abbiamo costruito in anni di attività, erogando loro altre agevolazioni. Quindi ci è venuto naturale - prosegue – usare le informazioni in nostro possesso per chiamare direttamente gli utenti in possesso dei requisiti per accedere al Bonus Energia e invitarli a presentarsi con la documentazione corretta. Attività che stiamo puntualmente ripetendo ora per il Bonus Gas”.
Una scelta azzeccata, come testimonia il fatto che già nelle primissime settimane di attività dello sportello SGAte di Volla, all’inizio del 2009, erano già state raccolte tra le cinquecento e le seicento domande di agevolazione. Un risultato di rilievo, reso possibile anche dalla collaborazione degli altri uffici comunali, i quali hanno contribuito diffondendo informazioni relative al Bonus Energia.

Il Bonus Gas
Fin dal 15 dicembre, primo giorno utile per presentare domanda di Bonus Gas, procede regolarmente la raccolta delle istanze di ammissione all’agevolazione presentate dai cittadini – conferma Giorgio Postiglione – In questo caso mobilitare i cittadini è stato più facile sia perché ci rivolgiamo alla stessa platea di utenti che già ha fatto richiesta del Bonus Energia (ormai abbastanza informata rispetto al da farsi), sia perché nel corso del 2009 avevamo già provveduto ad avvisarli che sarebbe stato erogato anche il Bonus Gas”. Insomma, anche nella comunicazione istituzionale così come in ogni altro campo, chi bene semina, bene raccoglie.

Risultati
L’impegno profuso dall’Amministrazione comunale di Volla nella comunicazione del Bonus Sociale per l’energia elettrica e nella gestione dello sportello SGAte ha prodotto buoni risultati: le istanze di Bonus Energia raccolte sino ad oggi siano 1321, di cui 1278 regolarmente ammesse. Incoraggianti anche i primi risultati relativi al Bonus Gas, per il quale si registrano già quasi 150 domande presentate, 70 delle quali già lavorate.

----
Invitiamo come sempre tutti gli amministratori comunali che hanno casi di eccellenza da raccontare a contattarci inviando una mail all’indirizzo nlsgate@ancitel.it. Con l’occasione segnaliamo anche che la realizzazione di questo Case study è stata possibile grazie alla documentazione inviata alla nostra redazione dal Comune di Volla (Na) e curata dal signor Giorgio Postiglione insieme con la signora Emilia Inserviente.

Case study summary

Attore Comune di Volla (Na)- Settore Servizi Sociali – Ufficio Prestazioni Sociali e Servizi alla Persona
Aree di interesse Organizzazione del Servizio e comunicazione ai cittadini

Periodo d’azione

Dal 01 gennaio 2009 –in corso
Descrizione dell’intervento Setup dello sportello SGAte, comunicazione e consulenza al cittadino
Principali azioni
intraprese
Affissione di manifesti in tutto il paese;
• Contatto telefonico diretto con i cittadini disagiati già presenti nel
database dell’ufficio Ufficio Prestazioni Sociali e Servizi alla
Persona
• Consulenza al cittadino
• Incentivazione del passaparola
(tali azioni sono state reiterate per l’avvio della raccolta delle
domande di Bonus Gas)
Risultati raggiunti Presentazione di n. 1321 domande di cui n. 1278 ammesse.
Criticità incontrate Codici fiscali errati ; bollette con dicitura non residente; domande
incomplete; POD inesistenti; cittadini nati fuori dall’Italia
Budget impiegato Le attività sono state realizzate con risorse interne al Comune
Formazione La formazione è avvenuta internamente all’ente durante la fase iniziale e, successivamente, con la partecipazione ai seminari dello SGAte.