Case study: la gestione dello sportello SGAte secondo il Comune di Giarre (CT)

Con agosto ormai alle spalle, riprende il nostro tour in giro per l’Italia a caccia di testimonianze sulla raccolta delle domande di Bonus Elettrico e di Bonus Gas. Per l’occasione torniamo in Sicilia, e più precisamente nella provincia di Catania, dove a metà strada tra la città etnea e Taormina sorge il Comune di Giarre, cittadina di oltre 27mila abitanti guidata dal Sindaco Maria Teresa Sodano.

A fare gli onori di casa è la dottoressa Rossana Strano che, oltre a svolgere il ruolo di responsabile dell’Ufficio Famiglia e Minori sotto la supervisione dell’avvocato Giuseppe Panebianco (dirigente dell’assessorato ai Servizi Sociali), è anche impegnata nel doppio ruolo di amministratore e operatore SGAte. E’ lei, insomma, che gestisce in prima persona la raccolta e l’immissione delle domande di agevolazione, ed è sempre lei che oggi contribuisce al miglioramento del sistema SGAte in qualità di membro del “Network degli Operatori Comunali”, iniziativa creata da Ancitel per favorire e accelerare l’evoluzione e lo sviluppo del Sistema di Gestione delle Agevolazioni sulle Tariffe Energetiche.

Setup dello sportello SGAte
Iniziamo l’intervista chiedendo alla dottoressa Strano perché è stato scelto il suo ufficio per aprire uno sportello SGAte. La risposta è semplice: la struttura che la signora presidia aveva già un rapporto ben avviato con quella parte della comunità afflitta dal disagio economico, e quindi era forte di una consuetudine che avrebbe dovuto facilitare la comunicazione e l’erogazione del servizio all’utenza. Così è stato: “Per molte ragioni qui da noi passano tutte le persone che hanno bisogno di sostegno economico – spiega – e questo ci ha favorito nell’individuare i potenziali candidati a ottenere l’agevolazione oltre che nell’informarli dell’esistenza dei due Bonus”.

Sebbene il Comune di Giarre non abbia partecipato alla sperimentazione, ciò non ha tuttavia impedito alla signora Strano di iniziare a raccogliere le prime domande già a partire dal dicembre 2008: “Io stessa ho fatto la richiesta per le credenziali di accesso al sistema SGAte il giorno 24 dicembre – spiega – ma già in precedenza avevo iniziato ad accettare le istanze che alcuni cittadini bene informati stavano già presentando con largo anticipo. Una volta ottenute le necessarie credenziali, si è provveduto a inserire nel sistema tutte quelle domande che nel frattempo si erano accumulate nel nostro ufficio”. Un lavoro impegnativo e che la responsabile dell’Ufficio Famiglia e Minori ha svolto in prima persona, dal momento che il Comune di Giarre ha scelto gestire lo sportello SGAte utilizzando solo risorse interne e senza avvalersi della convenzione con i CAF.

Comunicazione e supporto al cittadino
Anche per Giarre come già per altri Comuni italiani oggetto delle nostre indagini, nell’informazione al cittadino molto hanno contato la campagna di comunicazione nazionale messa in opera per il lancio del Bonus Elettrico e, parallelamente, il passaparola, puntualmente alimentato anche dalla costante opera di informazione che la dottoressa Strano ha svolto presso gli utenti del suo ufficio.

Non sono mancate tuttavia altre iniziative di comunicazione più tradizionali, poste in essere dall’Amministrazione del Comune siciliano: “Devo innanzitutto osservare – spiega l’amministratore SGAte – che fin dall’inizio la nostra utenza è arrivata allo sportello già bene
informata rispetto all’agevolazione e a quali fossero i termini per ottenerla. Merito delle campagne nazionali, ma anche della comunicazione fatta dal nostro Comune attraverso l’affissione di manifesti, la pubblicazione di informazioni e moduli sul sito istituzionale, il dialogo costante con l’utenza che generalmente frequenta il nostro ufficio”.

Quando poi è arrivato il momento di pubblicizzare anche la nascita del Bonus Gas, “abbiamo di nuovo affisso manifesti informativi e popolato il sito istituzionale con nuovi avvisi e moduli da scaricare. Ovviamente – chiarisce la dottoressa Strano - avevamo iniziato a informare l’utenza della futura disponibilità di questa nuova agevolazione non appena abbiamo saputo che sarebbe stata introdotta. Del resto, individuare i potenziali candidati a Bonus Gas e Bonus elettrico ci è risultato facile – prosegue - in quanto i nostri utenti devono presentare l’ISEE per accedere a diversi servizi e questo ci permette di capire a colpo d’occhio se sono idonei o meno a richiedere anche queste agevolazioni”.

Volendo fare un bilancio, nel suo complesso la campagna informativa si è rivelata piuttosto efficiente se è vero che ci sono stati “periodi di grande affollamento” presso lo sportello SGAte di Giarre. Affollamento che, tuttavia, non ha impedito alla dottoressa Strano di erogare al meglio il servizio al pubblico (fatto salvo qualche piccolo intoppo registrato agli inizi), anche perché “ogni nostro dubbio è stato rapidamente fugato dalle pronte risposte fornite dal call center SGAte, così come di grande aiuto sono stati anche i quattro seminari informativi ANCI che ho seguito a Catania (in due diverse occasioni), Montecatini Terme e Roma”.

Risultati
Il Comune di Giarre ha 27.714 abitanti: a oggi le domande di Bonus Elettrico presentate sono state 2172, mentre quelle di Bonus Gas 240.

Vale la pena puntualizzare che, per quanto riguarda il Bonus Gas, il numero di domande raccolte è molto inferiore a quello registrato dal Bonus Elettrico perché “nel territorio del nostro Comune si fa ancora largo uso della bombola e gli allacci alla rete gas sono ancora pochi.
In ogni caso la rete gas si sta espandendo
– conclude la signora Strano - e quindi è prevedibile che presto ci saranno nuovi allacci seguiti da nuove richieste di Bonus Gas”.

---
Invitiamo come sempre tutti gli amministratori comunali che hanno casi di eccellenza da raccontare a contattarci inviando una mail all’indirizzo nlsgate@ancitel.it.

Case study summary
 

Attore Comune di Giarre - Ufficio Famiglia e Minori
Aree di interesse Oganizzazione del Servizio di raccolta delle istanze di Bonus Elettrico e Gas; comunicazione ai cittadini
Periodo d’azione Dicembre 2008 – in corso
Descrizione
dell’intervento
• Setup dello sportello SGAte

• Comunicazione e consulenza al cittadino

• Partecipazione al “Network degli operatori comunali”

Principali azioni
intraprese

• Organizzazione del servizio di raccolta delle istanze di Bonus Energia presso l’Ufficio Famiglia e Minori

Comunicazione attraverso pubblicazione delle informazioni sul sito ufficiale del Comune e affissione manifesti

• Incentivazione del passaparola

Risultati raggiunti Dal dicembre 2009 - Raccolte 2172 domande di Bonus Elettrico;

• Dal dicembre 2010 - Raccolte 240 domande di Bonus Gas;

Budget impiegato Le attività sono state realizzate con risorse interne al Comune senza fare ricorso alla convenzione con i CAF.