Case study: la gestione dello sportello SGAte secondo il Comune di Fabriano (AN)

Lasciamo l’Abruzzo e lasciamo Teramo, ultima tappa del nostro viaggio in Italia alla ricerca di casi studio SGAte, per dirigerci verso Nord e passare nelle Marche. Questa volta ci fermiamo in provincia di Ancona e, più precisamente, a Fabriano, splendida cittadina di quasi 32mila abitanti famosa nel mondo per una produzione cartiera di antichissima tradizione, i cui inizi risalgono al XIII secolo.
 
Ci accoglie la dottoressa Roberta Corradini, in forze all’Ufficio Relazioni con il Pubblico del Comune di Fabriano dove, assieme alla collega Gabriella Taddei e alla responsabile dell’ufficio Rossana Pilati, svolge il ruolo di front-end per tutti i servizi erogati dal Comune ai cittadini.

Tra questi figura anche la raccolta delle istanze di Bonus Elettrico e Bonus Gas, in quanto l’amministrazione di Fabriano ha scelto di “innestare” lo sportello SGAte proprio nell’URP, dove “il servizio è stato integrato con i molti altri già forniti dalla struttura, come previsto dalla normativa vigente” ed evitando così il ricorso alla convenzione con i CAF. 
 
Fabriano è tra i Comuni che hanno partecipato alla sperimentazione del dicembre 2008, sostenendo Ancitel nella delicata fase iniziae di test di SGAte. L’aver preso parte a questo primo periodo di “rodaggio” ha fatto sì che, già dai primi del gennaio 2009, l’URP del Comune marchigiano fosse “pronto a raccogliere le domande e a inserirle in tempo reale nel sistema, rilasciando contestualmente le ricevute ai cittadini”. Sia la dottoressa Corradini, sia le sue colleghe hanno accesso al sistema in qualità di operatori SGAte, mentre il ruolo di amministratore è rivestito dal dottor Fernando Boscaino, dirigente del settore Servizi al Cittadino. “Ovviamente non ci siamo limitate a raccogliere le istanze – spiega la signorina Roberta - ma abbiamo anche provveduto a fornire consulenza ai cittadini su come compilare le domande o su come riscuotere i Bonus ogni volta che si è reso necessario, fornendo un servizio al cittadino a trecentosessanta gradi”. 
 
Comunicazione 
Per comunicare ai cittadini l’esistenza dei Bonus Energetici e dello sportello SGAte, l’Amministrazione di Fabriano ha provveduto a stampare dei manifesti informativi che sono poi stati affissi su tutto i territorio del Comune, comprese le frazioni. In particolare, si trattava di “manifesti nei quali si riportavano tutte le informazioni utili relative a scadenze e requisiti per presentare domanda. Inoltre abbiamo diffuso dei comunicati stampa – continua la signora Corradini - e organizzato delle conferenze stampa con l’assessore competente Mario Paglialunga sia in occasione del lancio del Bonus Elettrico sia del Bonus Gas. Infine, abbiamo dato grande evidenza all’esistenza dei Bonus Energetici anche sul nostro sito istituzionale, dove abbiamo aggiornato le pagine con tutte le informazioni disponibili”.
 
Oltre alla comunicazione “tradizionale”, non sono mancate altre iniziative mirate a sensibilizzare i cittadini potenzialmente in possesso dei requisiti minimi per ottenere le agevolazioni sulle tariffe energetiche: per esempio, “si è provveduto a coinvolgere nell’opera di diffusione delle informazioni anche le assistenti sociali in forze al Comune di Fabriano – rivela la signora Corradini –  le quali hanno contribuito informando puntualmente l’utenza che si rivolge al loro sportello. Alcuni utenti sono stati anche chiamati a casa ma sono stati casi più rari. Inoltre le nostre colleghe hanno favorito la diffusione del messaggio producendo e distribuendo dei volantini”. Come rete di distribuzione delle informazioni è stato usato anche l’Ambito Territoriale Sociale, vale a dire “l’ente che si occupa di svolgere in forma associata i servizi sociali sia per il nostro Comune sia per altri Comuni limitrofi. Ci siamo avvalsi della loro collaborazione in virtù della loro capacità di rapportarsi con le categorie socialmente più deboli”. 

Assolutamente degna di nota è infine l’iniziativa in virtù della quale il Comune di Fabriano ha invitato anche i cittadini extracomunitari regolarmente residenti in Italia a presentare istanza di Bonus Energetico in presenza dei requisiti minimi: “Come avviene per molte altre città italiane – spiega infatti la dottoressa Corradini - anche il nostro Comune si sta popolando sempre di più di cittadini extracomunitari. Per questo abbiamo pensato di utilizzare lo Sportello Informativo per Immigrati per comunicare loro l’esistenza dei Bonus Elettrico e Gas. Lo sportello è gestito da due operatori ai quali abbiamo passato tutto i materiale informativo a nostra disposizione, affinché potessero tradurlo nelle lingue straniere più diffuse sul nostro territorio”. 
 
Insomma, volendo tirare le somme quella di Fabriano è stata una campagna di comunicazione
efficace e capillare, come testimonia anche il flusso costante di persone che, “a tutt’oggi vengono quotidianamente al nostro sportello per chiedere informazioni e presentare domanda, o anche solo per effettuare il rinnovo dell’agevolazione”.

 
Criticità 
Rispetto all’uso di SGAte,  Roberta Corradini e le sue colleghe rivelano di aver avuto qualche
difficoltà iniziale, quanto il sistema era meno maturo. Difficoltà che tuttavia sono state “superate sia perché le mie colleghe hanno partecipato a due incontri formativi organizzati da Ancitel, sia perché il sistema si è evoluto nel tempo includendo nuove funzionalità e servizi e risolvendo passo dopo passo i problemi. Molto utile – aggiunge - si è rivelato anche il numero verde messo a disposizioni per operatori e amministratori SGAte”. 

 
Risultati
Al 15 ottobre 2010, le domande di Bonus Elettrico consegnate presso lo sportello del Comune di Fabriano risultano essere 1011. Per quanto riguarda il Bonus Gas, la cui raccolta delle istanze ha avuto inizio a cavallo tra dicembre 2009 e gennaio 2010, il numero di istanze presentate ammonta a circa 500. Le domande ammesse sono 928, mentre 83 sono invece quelle respinte. 

 
Lo sportello è aperto dal lunedì al sabato dalle ore 09:00 alle 12:30, e il martedì e giovedì anche nel pomeriggio dalle 15.30 alle 18:00.  
 ----
Invitiamo come sempre tutti gli amministratori comunali che hanno casi di eccellenza da raccontare a contattarci inviando una mail all’indirizzo nlsgate@ancitel.it. Con l’occasione segnaliamo anche che la realizzazione di questo Case study è stata possibile grazie alla auto-
candidatura del Comune di Fabriano ad pera della dottoressa Roberta Corradini.

Case study Summary
 

Attore Comune di Fabriano - Settore Servizi al cittadino - Ufficio Relazioni con Il Pubblico
Area di interesse Organizzazione del Servizio di raccolta delle istanze di Bonus
Elettrico e Gas; comunicazione al cittadino; 
Periodo d'azione  Dicembre 2008 – in corso
Principali azioni intraprese

•    Organizzazione del servizio di raccolta delle istanze di    Bonus Energia;
•    comunicazione tradizionale attraverso sito web istituzionale, comunicati stampa, conferenze stampa; affissione di manifesti, diffusione di volantini;
•    Collaborazione con l’Ambito Territoriale Sociale;
•    Collaborazione con l’Ufficio Servizi Sociali;
•    Comunicazione ai cittadini extracomunitari.

Risultati raggiunti  •    Presentazione di circa 1011 domande di Bonus Elettrico;
•    Presentazione di circa 500 domande di Bonus Gas;
Budget impiegato Le attività sono state realizzate con risorse interne al Comune e
senza fare ricorso alla convenzione con i CAF.