Modalità di comunicazione dei trattamenti assistenziali ai fini della determinazione del beneficio economico del REI

15/01/2018 10:25

Il Decreto legislativo n. 147 del 15 settembre 2017, attuativo del Reddito di inclusione (REI), prevede che il valore del beneficio economico del REI venga ridotto, tra l'altro, del valore dei trattamenti assistenziali eventualmente percepiti da parte di componenti il nucleo familiare, ad esclusione di quelli non sottoposti alla prova dei mezzi.

Successivamente il Ministero del Lavoro e delle Politiche sociali ha emanato la nota 9362 del 16 novembre 2017, relativa all’obbligo per i Comuni di comunicare all’INPS i trattamenti assistenziali eventualmente percepiti dai componenti il nucleo familiare, ad esclusione di quelli non sottoposti alla prova dei mezzi, ai fini della determinazione del beneficio economico del Reddito di Inclusione (REI).

A tal riguardo si evidenzia che, come indicato nella Nota del Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali del 28/12/2017 (in allegato) ai fini del calcolo del beneficio economico del REI rilevano solo una minoranza di prestazioni tra quelle elencate e, nella fattispecie, solo quelle individuate dai codici da A1.01 ad A1.04 della Tabella 1 del Regolamento del Casellario.
Il bonus elettrico ed il bonus gas (di cui alla voce A2.05 - 'Agevolazioni per i servizi di pubblica utilità') non rientrano nelle tipologie di agevolazione da scontare ai fini del REI e pertanto la mancata comunicazione degli stessi al Casellario dell’Assitenza (obbligo che non appare chiaro debba essere in capo ai Comuni) non costituirà danno erariale.
 
AllegatoDimensione
Prot_11273_del_28_12_2017_modalita_comunicazione_trattamenti_assistenziali.pdf334.6 KB